mercoledì 11 gennaio 2017

"La razionale alcoolica" … bioetica e salute!

Arriva a Novi Ligure "La razionale alcoolica", versione italiana degli "Skeptics in the pub": una
serata per discutere insieme di scienza e misteri, con l'aiuto della razionalità e della birra.

Il primo incontro (clicca qui per l'evento su Facebook) si svolgerà giovedì 19 gennaio 2017 alle 21 presso il Dorian Gray Ristorante Letterario in Via Roma 51 a Novi Ligure, sul tema:

Ci sono diversi casi di cronaca che raccontano problemi di salute affrontati con metodi alternativi e risultati anche drammatici.

Il rapporto tra scienza medica e scelte personali è complesso, e richiede da un lato conoscenza dell’argomento e dall’altro il rispetto della libertà della persona, senza dimenticare il bene della collettività. Un incontro che vuole confrontare le esigenze della scienza con quelle personali: parleremo di bioetica.

Esperto della serata sarà Giacomo Orlando. Laureato in medicina, ha svolto per 40 anni l'attività di anestesista /rianimatore, prima di andare in pensione. Ha all'attivo un'esperienza politica come consigliere comunale a Novi Ligure. Nel 2010 è co-fondatore della sezione di Novi Ligure della Consulta di Bioetica ONLUS (http://www.consultadibioetica.org), con cui si è attivato per divulgare informazioni sui principali temi di bioetica (in particolare testamento biologico, obiezione di coscienza, gravidanza medicalmente assistita) presso le scuole superiori e le comunità municipali vicine a Novi Ligure. Si è anche attivato con una richiesta al Comune di Novi Ligure per ottenere il permesso del deposito delle direttive di fine vita presso i gli uffici comunali.

L'evento è gratuito, ma è richiesta una consumazione.

Per maggiori informazioni consultare la pagina Facebook o scrivere a piemonte@cicap.org.

La razionale alcoolica: una volta al mese ci si ritrova attorno a un tavolo e si discute il tema del giorno. Un "esperto" lo presenta in pochi minuti per inquadrare l'argomento, poi ognuno dice la sua e se ne parla. ...Perché anche parlare di scienza può essere un divertimento!

domenica 8 gennaio 2017

Libertà di cura, tra scienza ed etica

2008, Clara Palomba (1), sedicenne toscana, muore per un diabete NON curato da una sedicente guaritrice ‘antropofisica’, da cui era stata portata dai genitori che non si fidavano delle cure ‘ufficiali’ a base di insulina, che tengono in vita senza problemi decine di migliaia di persone in tutto il mondo.

2011, Luca (2), un bambino di 4 anni del Salento, arriva all’ospedale senza vita dopo essere stato NON curato con preparati omeopatici. Molto probabilmente, se fosse stato curato con delle vere medicine, oggi sarebbe un vispo ragazzino di 9 anni.

2015, una bambina romana (3) di 4 anni, non vaccinata, muore a causa delle complicanze del morbillo, una delle malattie (4) che ancora oggi mietono più vittime (5).

2016, Eleonora Bottaro (6), padovana 18enne, muore di leucemia, dopo essere stata NON curata con i ‘metodi alternativi’ di Hamer (7). Con le cure oggi disponibili, avrebbe avuto oltre l’80% di possibilità di guarire.

Questi sono solo alcuni dei tanti, troppi casi di morti causati dal rifiuto di affidarsi alle conquiste della moderna medicina. Si, è vero, anche chi si affida alla medicina vera può morire, ci sono complicanze che possono portare a vari gradi di invalidità, ma sono fortunatamente pochi casi rispetto a quanti sono invece guariti. Non che i (pochi) casi di errori medici o di complicanze inaspettate non siano importanti o drammatici, bisogna però rapportarli a quanti casi sono stati trattati con successo.

Dall’altra parte, chi si affida alle varie ‘alternative’, dall’omeopatia alla medicina hameriana, quando si trova davanti a qualcosa che non può guarire da solo, come un raffreddore, di solito MUORE. E spesso soffrendo.

La medicina moderna ha una serie di protocolli e controlli strettissimi. Un nuovo farmaco, una nuova terapia, deve passare varie fasi di sperimentazione, e DEVE dimostrare di funzionare MEGLIO del placebo e deve offrire vantaggi terapeutici verificabili rispetto ai medicinali esistenti. Può anche essere un’idea nuova, apparentemente strampalata, ma SE FUNZIONA, se non ha controindicazioni, viene adottata.

Le ‘alternative’ non hanno riscontri verificati. Si basano su leggende, su tradizioni, su credenze strampalate, e quando vengono messe alla prova FALLISCONO. Sempre.

I dati sanitari sono disponibili e chiarissimi. Ci sono cose che funzionano (e quindi fanno parte della scienza medica) e cose che non funzionano. Eppure, da diversi anni aumenta il ricorso a queste terapie senza valore scientifico, ed aumenta il numero di genitori che non vogliono vaccinare i loro figli. False notizie che circolano in rete diffondono paure infondate nei riguardi della medicina, e favoriscono il proliferare di guru e santoni vari.


Tuttavia esiste un problema etico. Esiste il libero arbitrio, e se il signor Tizio, in possesso delle sue facoltà e correttamente informato, decide (esempio inventato) che un cristallo di agata posato sul comodino è la terapia che vuole seguire per guarire la sua polmonite, non posso imporgli la cura antibiotica che in pochi giorni lo guarirebbe. Oppure posso? Dopotutto, se non lo faccio, molto probabilmente il sig. Tizio morirà!

Dove finisce la libertà di scelta? È morale imporre a qualcuno una cura che non vuole, anche se è l’unica maniera per salvargli la vita? E che fare quando il malato è un minore?

Sono domande alle quali spero di trovare risposte il prossimo giovedì 19 gennaio, alle 21, quando al Dorian Gray Ristorante Letterario (via Roma 51, Novi Ligure) si svolgerà la prima ‘Razionale Alcoolica’ (9) a Novi Ligure, con ospite il dott. Giacomo Orlando, vicepresidente della Consulta di Bioetica ONLUS (10).

Se siete interessati alla serata, contattatemi all’indirizzo claudio@casonato.it, oppure seguite questo blog - a giorni pubblicherò i dettagli...

Alla prossima!

  1. http://medbunker.blogspot.it/2010/05/che-male-vuoi-che-faccia3.html
  2. http://bari.repubblica.it/cronaca/2011/10/21/news/muore_a_4_anni_dopo_un_bicchiere_d_acqua-23609530/
  3. http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/544316/morbillo-vaccino-bimba-morta-roma
  4. http://medbunker.blogspot.it/2013/04/la-piccola-malattia-il-morbillo.html
  5. https://www.unicef.it/tag/morbillo
  6. http://www.repubblica.it/cronaca/2016/08/31/news/padova_famiglia_rifiuto_chemio_studentessa_morta_leucemia-146963943/
  7. http://medbunker.blogspot.it/2009/04/hamer-la-nuova-medicina-germanica.html
  8. https://www.facebook.com/doriangrayristoranteletterario
  9. https://www.cicap.org/n/articolo.php?id=278124
  10. http://www.consultadibioetica.org/

domenica 25 dicembre 2016

Come cambiano i tempi...

Ho trovato in rete questa notizia, che voglio condividere con voi, che illustra molto bene come sono cambiati i tempi da 2016 anni fa ad oggi...

Trovato neonato in una stalla.
Arrestati un falegname, una minorenne, tre extracomunitari ed un gruppo di pastori senza dimora.
ANSA – 25 dicembre:::

L’allarme è scattato nelle prime ore del mattino, grazie alla segnalazione di un comune cittadino che ha notato strani movimenti nei pressi di una stalla.

Arrivati sul posto, gli agenti di polizia, accompagnati da assistenti sociali, hanno trovato un bambino in precarie condizioni igieniche, tra gli escrementi di una mucca e di un asino, avvolto in uno scialle e depositato su una mangiatoia con vicino una bambina la quale dichiarava di essere la madre, tale Maria di Nazareth, appena quattordicenne.

Al tentativo della polizia e degli operatori sociali di far salire ragazza e bambino sui mezzi di soccorso, un uomo adulto successivamente identificato come Giuseppe di Nazareth, falegname precario, che asseriva di essere il padre adottivo del bimbo, spalleggiato da alcuni pastori e da tre stranieri, opponeva resistenza. Tutti i presenti sono stati identificati, mentre Giuseppe ed i tre stranieri, risultati sprovvisti di documenti e di permessi di soggiorno, sono stati fermati.

Il Ministero dell’Interno e la Guardia di Finanza stanno indagando per scoprire il Paese di provenienza dei tre clandestini, nulla esclude che possano essere spacciatori internazionali, dato che erano in possesso di un ingente quantitativo d’oro e di sostanze sconosciute. Nel corso del primo interrogatorio, i tre si sono dichiarati diplomatici ed agire in nome di Dio, per cui non si escludono legami con Al-Qaeda o l’ ISIS. Si prevedono indagini lunghe e difficili.

Un breve comunicato stampa dei servizi sociali, diffuso nella mattinata, si limita a rilevare che il presunto padre adottivo del neonato è un adulto di mezza età, mentre la presunta madre è adolescente.

Gli inquirenti si sono messi in contatto con le autorità di Nazareth per scoprire quale sia il rapporto tra i due e se esistono a carico dell’uomo precedenti denunce per adescamento di minore o pedofilia.

Nel frattempo Maria è stata ricoverata presso l’ospedale di Betlemme e sottoposta a visite sia cliniche che psichiatriche, dato che dopo aver dichiarato di aver avuto un figlio, afferma di essere ancora vergine. Il fatto poi che sul posto siano state rinvenute sostanze sconosciute non migliora certo il quadro. Pochi minuti fa si è sparsa la voce che anche i pastori presenti nella stalla potrebbero essere consumatori abituali di droghe. Pare, infatti, che affermino di essere stati costretti da un uomo con una lunga veste bianca e due ali sulla schiena, a seguire una cometa per recarsi nella stalla.

Il PM ha così commentato: “Non possiamo anticipare nulla, ma questa è senz’altro una inchiesta che punta molto in alto e che andrà avanti molto!”….
(Autore sconosciuto)

Buon Natale a tutti!


giovedì 8 dicembre 2016

Buon Natale!

Siamo arrivati a Dicembre, l’anno sta per finire, e a Natale siamo tutti più buoni. I nostri politici stanno lavorando alacremente per prepararci tanti bei regali, ma è meglio non parlarne per non guastarci la sorpresa.

Restiamo in tema e divertiamoci con qualche notizia natalizia.

Nella tradizione cristiana, il 25 Dicembre è stato scelto per festeggiare la nascita di Gesù. Al riguardo, nel 1993 Giovanni Paolo II cominciò la sua udienza del 22 dicembre con queste parole:
Carissimi fratelli e sorelle,
Eccoci giunti di nuovo a Natale, solennità liturgica che commemora la nascita del Divin Salvatore, ricolmando i nostri animi di gioia e pace. La data del 25 dicembre, com’è noto, è convenzionale. Nell’antichità pagana si festeggiava in quel giorno la nascita del Sole Invitto, in coincidenza col solstizio d’inverno. Ai cristiani apparve logico e naturale sostituire quella festa con la celebrazione dell’unico e vero Sole, Gesù Cristo, sorto sulla terra per recare agli uomini la luce della Verità.


Quindi oggi festeggiamo una festa pagana, ma l’importante è il significato che diamo al giorno, non la sua origine… Ed ovviamente fare e ricevere tanti regali, che l’economia deve girare!

Parlando invece di colui che porta doni, Babbo Natale, o Santa Claus: da diversi anni è possibile seguire il suo giro intorno al mondo grazie ad una pagina di Google, che nei giorni precedenti aggiunge anche giochini e curiosità varie: https://santatracker.google.com/village.html .

Babbo Natale, come tutti sappiamo, è stato vestito di rosso dalla Coca Cola! In realtà, Santa Claus è una figura che è cambiata molto nel tempo, ed il rosso è stato il colore predominante nelle sue rappresentazioni. Sicuramente la campagna pubblicitaria Coca Cola del 1931, creata da Haddon Sundblom, ha avuto tanto successo da fissare nell’immaginario collettivo la figura, già molto diffusa in precedenza, che oggi tutti conosciamo.

Un dono tipico di queste feste sono le stelle di Natale (Euphorbia pulcherrima). Gira voce che questa pianta sia velenosa, e che bisogna stare attenti che bambini ed animali domestici non se la mangino. Tranquilli! Si tratta di una vera e propria balla: la tossicità della pianta è molto bassa, non è noto nemmeno un caso di morte, o anche solo di gravi lesioni, in soggetti umani o animali che abbiano ingerito sue parti. Il peggio che può capitare è un’irritazione della pelle se va a contatto con il lattice che secernono.

Avete fatto, o farete, il presepe? Sicuramente ci metterete i Re Magi. Sono tre, Gaspare, Melchiorre e Baldassarre. Verrebbe spontaneo pensare che queste caratteristiche siano state tratte direttamente dai testi sacri, ma non è così. Il Vangelo dice solo che arrivarono dall’Oriente portando oro, incenso e mirra. Successivamente, specialmente nel cristianesimo occidentale, si pensò che i magi avessero portato un dono ciascuno.
Anche i nomi dei magi sono stati aggiunti successivamente, così come la loro natura regale, che probabilmente fu ricondotta alla profezia contenuta nei Salmi: “I re di Tarsis e delle isole gli pagheranno tributo; I re di Etiopia e di Arabia gli porteranno doni. E tutti i re l’adoreranno, tutte le nazioni gli serviranno“.

Mi raccomando, sotto le feste state attenti! Come scrisse una rivista, “è risaputo che nei periodi di festa aumentano i suicidi“. In effetti ci sembra plausibile che a Natale la disperazione possa prendere il sopravvento e convincere le persone a suicidarsi. Al nostro cervello piacciono le storie, non le statistiche, e un picco di suicidi nel periodo dell’anno in cui tutti provano a essere un po’ più felici è davvero un’ottima storia. In realtà le indagini epidemiologiche indicano da tempo che in dicembre la frequenza dei suicidi cala.

E con questo vi lascio ai preparativi natalizi, augurandovi delle feste serene e riposanti.

Ci risentiamo nel 2017!

sabato 3 dicembre 2016

Voto: istruzioni per l'uso

Allora, finalmente ci siamo... Domani, Domenica 4 Dicembre, si va a votare per il referendum costituzionale.

Ovviamente NON vi dirò cosa votare, ma, da presidente di seggio che non vuole grane, vorrei darvi alcuni suggerimenti tecnici.

1 - Portate con voi il CERTIFICATO ELETTORALE ed un DOCUMENTO DI IDENTITA', possibilmente valido. Se non trovare il certificato elettorale, l'ufficio elettorale del comune è aperto sabato e domenica e vi rilasciano un duplicato all'istante.

2- E' VIETATO fotografare il proprio voto, ed è pertanto VIETATO portare in cabina telefoni, macchine fotografiche e simili. RISCHIATE LA GALERA. Lasciateli a casa, ad un amico, alla moglie/marito/zio/mamma/nonno, ma  fuori dal seggio. Oppure lasciatelo al presidente del seggio.

3- Il voto si esprime apponendo una croce sul quadrato corrispondente alla vostra scelta, USANDO L'APPOSITA MATITA FORNITA DAL PERSONALE DEL SEGGIO (magari senza leccarla... fa abbastanza schifo e non serve a nulla). Se votate con una penna biro, il vostro voto è ANNULLATO.

4- Fate una croce chiara, visibile, non timida e neppure esagerata. Non firmate, scarabocchiate o rendete la vostra scheda riconoscibile, o potrebbe essere annullata.

5 - E per ultimo... Andate a votare coscientemente. Se ancora non la avete letta, la riforma è scaricabile dal sito della Camera a questo link.


E adesso... BUON VOTO A TUTTI!


martedì 8 novembre 2016

Potere del marketing

Chi mi segue sa che io sono un antipatico rompiscatole. Detesto le promozioni di cose senza una
reale validità, fatte solo perché sono ‘trendy’ o perché qualcuno ha fatto campagne marketing allo scopo. Gli OGM, per esempio. Ci sono molte varianti modificate di piante che danno grossi vantaggi in termini di resa e proprietà nutritive, ma sono stati presentati come se fossero il demonio e quindi tutto deve essere OGM free. Concordo sul fatto che ci debbano essere dei controlli (ed infatti ci sono), ma mettere in commercio del sale da cucina con la scritta OGM Free è francamente ridicolo!

Uno dei più grandi imputati degli ultimi anni è il malefico OLIO DI PALMA! Rovina le arterie, causa il colesterolo, forse anche provoca il cancro! A causa sua stanno sparendo le foreste equatoriali. Si sospetta addirittura che rubi i soldi dal borsellino della mamma!

Ormai è diventato quasi un obbligo per le aziende alimentari scrivere ‘Senza olio di palma’ sui loro prodotti, ma resta il dubbio su cosa viene usato per sostituirlo.

Già, gli oli ed i grassi sono componenti indispensabili in moltissime preparazioni alimentari. Alcuni di questi oli sono cosiddetti ‘insaturi’, come l’olio di mais o quello di girasole, e generalmente sono liquidi. Altri grassi invece sono ‘saturi’, come il burro e lo strutto, e di solito sono solidi.

L’olio di palma è saturo ma liquido, è praticamente insapore, ha una bassa tendenza all’irrancidimento ed è resistente all’ossidazione. In più costa poco, e quindi è stato largamente usato per sostituire altri grassi saturi (il burro, per esempio) in tante preparazioni.

La cosa ‘divertente’ è che l’olio di palma è in molti casi meglio di quello che sostituiscono! La ‘pericolosità’ di un olio o grasso dipende dal fatto che sia saturo o insaturo, ed entrambi hanno i loro rischi specifici.

Facciamo un esempio: togliamo l’olio di palma da un dolce. Che ci mettiamo?
Mettiamoci il burro! Bene, grasso saturo, porta gli stessi problemi dell’olio di palma. Ha più colesterolo, essendo di origine animale, e la durata del mio dolce sarà più breve (a meno di aumentare i conservanti).

Allora no il burro, che in più non è vegano… Olio di mais! Dipende dalla ricetta, certe cose vengono bene solo con oli saturi, altre con oli insaturi. E poi, quelli insaturi sono a rischio ossidazione, e potrebbero formarsi composti tossici.

Allora la margarina? Ricordo che è vegetale… Giusto, la margarina si produce ‘idrogenando’ oli insaturi rendendoli saturi, quindi ricadiamo dei problemi generali dei grassi saturi, ed in più il processo di idrogenazione è da molti anni sotto accusa in quanto pericoloso.

Si, ma allora come facciamo a togliere il malefico olio di palma, che comunque causa la deforestazione? Ops… per produrre sufficienti quantità di altri grassi saturi, che sono prevalentemente di origine animale, dovremmo probabilmente disboscare aree ancora più grandi!

Possibile soluzione: intanto iniziamo a mangiare consapevoli che assumere troppi grassi, saturi o insaturi, di qualsiasi origine essi siano, è comunque dannoso alla salute. Poi usiamo i grassi e gli oli per quello che sono realmente e non per quello che le campagne marketing ci vogliono fare credere. Quindi senza demonizzare ingiustamente l’olio di palma.

E per il problema della deforestazione causata dalla coltivazione di palme da olio, comunque reale, la strada da seguire è quella della certificazione, che ormai rappresenta il 18% della produzione totale, 109 mila produttori e un’estensione complessiva di 257 mila ettari.

Alla prossima.

Alcuni links per approfondire:
http://www.wired.it/scienza/medicina/2015/05/08/tutta-verita-olio-di-palma/
http://www.butac.it/la-chimica-assolve-lolio-di-palma/
http://www.ansa.it/canale_terraegusto/notizie/mondo_agricolo/2016/09/26/olio-palma-chimica-lassolve-demonizzazione-ingiustificata_5a1afdca-54b5-4be3-8e79-d893bd46c03c.html

Da AlessandriaNews, Opinioni

lunedì 31 ottobre 2016

Incontriamoci in Autunno...

... e parliamo di Big Foot e Piramidi!

Il prossimo Venerdì 4 Novembre, alle ore 17.30, nella sala conferenze della Biblioteca Civica di Novi Ligure, Andrea Vignoli, direttore de Il Novese, presenterà il mio libro, Le piramidi le ha costruite Big Foot!, e parleremo di UFO, mostri, cerchi nel grano ed altre amenità.

Vi aspetto!

martedì 25 ottobre 2016

Sylvi Listhaug

La metto nella categoria 'bufale', anche se in realtà dovrebbe essere classificata come 'capisco quello che voglio capire'...

Ho scoperto che è nata una polemica in seguito ad un post su Facebook del ministro norvegese per
l’integrazione, Sylvi Listhaug, che alcuni hanno letto come ‘I musulmani che vengono qui devono mangiare il maiale’.

Il suo post su FB, datato Lunedì 17 Ottobre, recita:
Jeg mener de som kommer til Norge må tilpasse seg samfunnet vårt. Her spiser vi svin, drikker alkohol og viser ansiktet vårt. Man må innrette seg etter de verdier, lover og regler som er i Norge når man kommer hit. Lik og del!

Per quanti non leggono correntemente il norvegese (massa di ignoranti… io compreso…), ecco la traduzione in inglese fatta da International Business Times:
“I think those who come to Norway need to adapt to our society. Here we eat pork, drink alcohol and show our face. You must abide by the values, laws and regulations that are in Norway when you come here.”

E quella fatta da Bing traduttore dal norvegese all’italiano (errori e tutto):
Voglio dire che coloro che vengono a Norvegia deve adattarsi alla nostra società. Qui si mangia carne di maiale, bere alcolici e mostrare il nostro volto. Uno deve rispettare i valori, le leggi e le regole in Norvegia quando si arriva qui.

DOVE cappero è scritto ‘I musulmani che vengono qui devono mangiare il maiale’???

Alla prossima

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...