domenica 1 febbraio 2015

Responsabilità di chi scrive o commenta sul Web

Il web è un mezzo potente, ed è soggetto alle leggi sulla privacy e sulla diffamazione, a cui cerco di sottostare.
 
Ritengo importante segnalare ai miei lettori questo articolo di Tom's Hardware, che fa il punto sulla situazione alla data in cui scrivo.
Alcuni passaggi meritano attenzione.
 
- Di conseguenza se una volta il direttore responsabile di un giornale era quasi sempre l'unico a rischiare di incorrere in reati penali come la diffamazione, oggi anche blogger e utenti comuni devono prestare molta attenzione a quello che scrivono online.
Ovvero, anche un semplice commento ricade sotto la legge.
 
(Cass. pen., sez. I, 16 aprile 2014, n. 16712).
Più precisamente, in tale pronuncia la Corte, facendo applicazione dei principi già consolidati in materia di diffamazione a mezzo stampa, ha ritenuto sufficiente, ai fini dell'integrazione della diffamazione a mezzo Facebook, che "il soggetto la cui reputazione è lesa, sia individuabile da parte di un numero limitato di persone, indipendentemente dall'indicazione nominativa". Infatti – ha precisato la Corte –, è "sufficiente ai fini della sussistenza dell'elemento soggettivo della fattispecie la consapevolezza di pronunciare una frase lesiva dell'altrui reputazione e la volontà che la frase venga a conoscenza di più persone, anche soltanto due".
 
Un punto interessante riguarda la moderazione dei commenti in un blog, e, per estensione, delle pagine Facebook e dei forum:
Per quanto concerne il blogger, nei casi in cui questi assume la veste di "moderatore" filtrando i messaggi dei lettori prima di pubblicarli, lo stesso potrà essere chiamato a rispondere del reato di diffamazione "in concorso" con l'autore dei messaggi diffamatori, ove si accerti che il blogger abbia volontariamente scelto, dopo aver letto il messaggio, di continuare a diffonderlo in Rete. Per contro, nei casi in cui i messaggi dei lettori vengano automaticamente pubblicati, senza alcun filtro da parte del blogger, solo gli autori dei messaggi risponderanno di eventuali offese o reati, in quanto il nostro ordinamento non riconosce in capo al blogger alcuna posizione di garanzia rispetto agli articoli o ai messaggi di terzi pubblicati sul suo blog.
 
Io da tempo permetto i commenti solo da parte di utenti registrati, che si devono quindi assumere la responsabilità diretta, e mi riservo il diritto di CANCELLARE commenti che reputo eccessivi o fastidiosi. Tuttavia, non esercitando moderazione dei commenti, chi commenta è responsabile di ciò che scrive.
 
Alla prossima

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...